Come risaputo e reso noto anche da numerosi film e pubblicazioni, Chicago negli anni Venti era una polveriera. Il 26 gennaio del 1920 iniziò il periodo del proibizionismo e proseguì per i successivi tredici anni portando allo scontro numerosi membri della malavita, che non volevano chiudere le loro attività di produzione e traffico illegale di alcolici.
 Chicago divenne così luogo di scontri tra gangster italoamericani come Al Capone, o irlandesi come George “Bugs” Moran, e fu testimone dell’omicidio del nemico pubblico “numero uno” John Dilinger. Chicago ancora celebra questa epoca sanguinosa con una serie di tour della criminalità in cui guide vestite da gangster accompagnano i più curiosi in giro per la città raccontando tutti gli aneddoti di quel sanguinoso periodo . Per maggiori info vi rimandiamo al sito ufficiale.

Nel caso in cui preferiate scoprire questo lato oscuro di Chicago, in un tour fai da te della malavita, ecco qualche dritta:

32 North State Street – Edificio che ospitava il dentista di Al Capone, adesso facente parte degli edifici storici nazionali,

Il luogo in cui invece il boss si faceva radere era al Renaissance Blackstone Hotel, al 636 South Michigan Avenue.
Il suo birrificio preferito era  Schoenhofen Brewing, in Canalport Avenue.

Biograph Theater al 2433 North Lincoln Avenue, è tutt’oggi un teatro dove nel 1934, proprio sul marciapiede di fronte all’entrata, venne assassinato il rapinatore John Dillinger ad opera dell’FBI, non appena finito di assistere alle proiezioni di un film gangster.

Strage di San Valentino

2122 North Clark Street . A questo indirizzo è avvenuta una delle scene più sanguinose e significative di quel periodo. Il 14 febbraio del 1929 alcuni uomini di Al Capone, guidati da Sam Giancana, si finsero poliziotti e arrestarono 7 mafiosi irlandesi. Questi, non sospettando della trappola si fecero ammanettare e portare via. La loro destinazione non fu però il commissariato, ma un garage dove vennero crivellati dai colpi delle mitragliatrici. L’edificio dove avvenne la sparatoria è stato sostituito da una casa di riposo e da un parcheggio ma il luogo ricorda bene ciò che successe.

Potete includere nel vostro tour della malavita a Chicago, anche la Union Station di cui vi abbiamo già parlato , in quanto location del film “Gli Intoccabili”. Ricordate però che le scene che vi son state girate sono frutto della fantasia e non rispecchiano fatti realmente accaduti.

 Holy Name Cathedral, 730 N Wabash Ave, nemmeno un luogo sacro è stato risparmiato dai colpi delle mitragliatrici Thompson. La facciata della chiesa ne mostra ancora i segni dal 1926, anno in cui l’arma prese il nome di “Chicago Typewriter”.

Se infine desiderate porgere un saluto ai protagonisti spietati delle vicende del secolo scorso, potrete cercare Al Capone, Deany O Banion e i Fenna Brothers al Mount Carmel Catholic Cemetry , 1400 Wolf Road ad Hillside, 20 miglia ad ovest di Chicago.

Unisciti alla discussione

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *