New Orleans non è la capitale della Louisiana ma è in assoluto la città più conosciuta, stravagante e particolare che ci sia da quelle parti…ed è tutta da scoprire!

“The Big Easy” questo è il suo soprannome, ad indicare la spigliatezza, la spensieratezza e la voglia di divertirsi dei suoi abitanti. Questo è ciò che vuole ostentare in pubblico anche se le due facce della medaglia sono ben visibili in ogni momento.

Artisti di strada nel French Quarter - New Orleans
Artisti di strada nel French Quarter – New Orleans

New Orleans è la patria del Jazz, della cucina creola, del Mardi Gras con il suo sfarzo cattolico, che convive a fianco del misticismo pagano della cultura Voodoo, dei vampiri, della magia.

E’ la città dall’architettura che somiglia a quella europea, in cui perdersi per ore ad osservare i dettagli e i decori dei palazzi. Ma è anche la città in cui ancora è ben evidente il disagio in cui vivono molti dei suoi abitanti, aumentato notevolmente dopo il disastroso uragano Katrina.

Un po’ di storia di New Orleans

Nouvelle Orleans fu fondata nel 1718 come avamposto francese  accogliendo francesi, canadesi, tedeschi e migliaia di schiavi africani, della cui tratta divenne uno dei porti principali. Ben presto grazie alle leggi locali anche i neri riuscirono ad ottenere la libertà e ad integrarsi nella comunità.

Nel 1788 e 1794 due disastrosi incendi distrussero le precedenti abitazioni francesi e fu in quegli anni che gli spagnoli crearono il French Quarter come lo vediamo oggi.

Superò anche la guerra di Secessione, dopo una rapida resa alle forze dell’Unione, ma con la fine delle piantagioni e della manodopera degli schiavi la sua economia iniziò a risentirne.

Verso i primi del ‘900 vide nascere la musica Jazz nei tanti speakeasy che popolavano i vari quartieri e nel 1994 ha ottenuto dal NPS il New Orleans Jazz National Historic Park per celebrarne le origini.

Scoprire New Orleans - artisti di strada
Scoprire New Orleans – artisti di strada

Adesso vive di attività petrolchimiche e petrolifere ma la linfa vitale dell’economia è il turismo.

Dopo l’uragano Katrina del 2005, la città  ha dovuto fare i conti con un profondo cambiamento che tutt’ora la scuote. La popolazione si è quasi dimezzata, la distruzione l’ha segnata profondamente, ma su questo sappiamo bene come l’America sia in grado di rialzarsi velocemente.

Cosa vedere a New Orleans

L’essenza della città si respira nel French Quarter, che si snoda intorno a Bourbon Street. Qui gli edifici in stile coloniale dei Caraibi, con i lussuosi giardini, fontane e decori in ferro battuto fanno da testimoni ogni giorno alle feste ininterrotte che animano il quartiere.

Jackson Square

Il cuore pulsante del Vieux Carré, il quartiere più vecchio, che accoglie cartomanti, artisti di strada, vagabondi, stregoni.

Andrew Jackson Munument in Jackson Square - New Orleans
Andrew Jackson Munument in Jackson Square – New Orleans

Qui al centro, si erge l’Andrew Jackson Monument, che dal 1840 ricorda la sua vittoria contro gli inglesi.

St. Luis Cathedral

In Jackson Square si staglia la St Luis Cathedral (615 Pere Antoine Alley) la più vecchia cattedrale cattolica degli Stati Uniti, circondata dal suo immancabile alone di mistero.

St. Luis Cathedral - New Orleans
St. Luis Cathedral – New Orleans

Una bellissima chiesa francese, progettata da Gilberto Guillemard. Il suo aspetto inconfondibile, la facciata chiara e le guglie scure, la rendono affascinante e misteriosa in ogni momento della giornata, da qualunque angolo la si guardi.

E’ sicuramente il monumento più iconico della città, in assoluto il più fotografato.

St. Antony’s Garden

Un piccolo giardino, situato nella parte posteriore della cattedrale, in cui difficilmente si farà dimenticare la statua del Cristo con le braccia alzate che sul calar della sera proietta la sua ombra contro la chiesa. Vi farà scorrere un brivido lungo la schiena, se per caso passate di lì senza aspettarvela.

The Moonwalk

La passerella lungo il fiume, da cui godere di una bellissima visuale sulla città e sul fiume in cui lenti e silenziosi si muovono i battelli.

Qui è possibile fermarsi ad ammirare le esibizioni degli stravaganti artisti di strada che vi hanno trovato il luogo ideale per mettersi in mostra.

A breve distanza dalla cattedrale di St. Louis si trova il molo da cui partono le imbarcazioni per una crociera sul fiume. Qui tutte le informazioni sulla Steamboat Natchez.

Washington Artillery Park

A pochi passi da Jackson Square, è un sito storico che accoglie il monumento alla 141esima artiglieria della guardia nazionale della Louisiana, attiva dalla guerra civile alla Seconda Guerra Mondiale.

I musei di New Orleans

Non mancano i musei , per approfondire ogni aspetto della cultura e della storia:

Il Cabildo (701 Chartres St) ripercorre la storia della Louisiana con manufatti, documenti , dipinti.

The Presbytère ( 751 Chartres Street) è uno degli esempi meglio riusciti di architettura spagnola. Qui si possono scoprire tutti i segreti della celebrazione del Mardi Gras, ma anche ripercorrere la furia devastante dell’uragano Katrina.

1850 House: per un tuffo nel passato, precisamente 150 anni fa quando New Orleans stava vivendo uno dei periodi più prosperi della sua storia. Il lusso in cui viveva la classe più abbiente, si riconosce dagli arredi sontuosi ancora visibili al suo interno.

Historic New Orleans Collection (533 Royal Street) un’esposizione molto ricca di documenti sulla storia della città.

Old Ursuline Convent (1112 Chartres St) l’unico edificio francese rimasto a New Orleans, che ha ospitato a lungo un convento delle suore Orsoline.

Il quartiere di Tremé a New Orleans

Nel quartiere di Tremé, dove si trova anche il cimitero, hanno vissuto a lungo gli afroamericani giunti in città come schiavi.

Il Louis Armstrong Park, comprende Congo Square, l’unico spazio in cui gli schiavi potevano ritrovarsi e suonare la loro musica. Grazie a questa concessione, vietata nelle altre società schiaviste, si sono gettate le basi per la nascita della musica jazz ed è stata portata avanti la tradizione Voodoo.

St Augustine’s Church (1210 Governor Nicholls St) fortemente danneggiata dall’uragano Katrina, è la seconda chiesa cattolica afroamericana più vecchia degli Stati Uniti.

CBD e Warehouse District

Nei quartieri del Central Business District (CBD) e del Warehouse District si trova la zona commerciale ricca di musei importanti e gallerie d’arte.

Audubon Aquarium of the Americas (1 Canal Street) particolarmente rinomato per il suo ospite d’onore: l’alligatore bianco.

Insectarium ( 423 Canal St) un centro didattico per bambini che comprende un giardino giapponese pieno di farfalle. Tutte le info su questi due ultimi musei le trovate qui.

Il National World War II Museum (945 Magazine Street). Consultate il sito ufficiale per i dettagli.

Blaine Kern’s Mardi Gras World (1380 Port of New Orleans Pl) accoglie molti dei carri sfarzosi e colorati che sfilano durante il Mardi Gras.

E’ possibile vederli in fase di realizzazione o già pronti negli enormi laboratori in cui gli artisti li creano non solo per il grande evento cittadino, ma anche per gli Universal Studios o Disney World. Per organizzare al meglio una visita ecco il link del sito ufficiale.

Dove mangiare a New Orleans

La cucina creola di New Orleans è una miscela tra quella francese, spagnola, portoghese, italiana, dei nativi americani, con influenze africane.

Jambalaya al French Market di New Orleans
Jambalaya al French Market di New Orleans

E’ caratterizzata dai sapori forti del sedano, del peperone e della cipolla, accompagnati da riso e fagioli. E’ frequente l’utilizzo di ostriche o gamberi, pollo e patate e tra i piatti più rinomati troviamo il Gumbo o la Jambalaja. Per provare tutta questa varietà di piatti e sapori il luogo ideale è sicuramente il French Market.

French Market

N Peters St tra Ann St e Barracks St

È il più antico mercato pubblico degli Stati Uniti, peccato sia aperto solo dalle 10 am alle 6 pm, quindi approfittatene per una corposa colazione o un bel pranzo in uno dei tanti chioschi.

In alternativa, magari per la cena, nel French Quarter ci sono una infinità di graziosi locali con musica dal vivo e tavolini all’aperto in cui sicuramente non rimarrete delusi.

Il nostro consiglio: Mother’s Restaurant

Un locale particolare che si trova un po’ fuori dal centro, è il Mother’s Restaurant (401 Poydra St) divenuto famoso fin dall’apertura nel 1938 per il “Ferdi” (prosciutto) Po’ Boys.

Adesso il menu è ricco e di deliziosi piatti tipici della cucina creola, serviti con amore e attenzione al cliente. I prezzi contenuti e la qualità del cibo servito fanno sì che spesso ci sia una lunga fila all’entrata!

E’ aperto tutti i giorni dalle 7 am alle 10 pm e non accenna a volersi fermare. E’ stato fortemente danneggiato dall’uragano Katrina, ma la solidarietà tra i dipendenti e l’animo combattivo della popolazione hanno fatto sì che in poco tempo si risollevasse e tornasse nel pieno delle sue forze.

Café du Monde.

800 Decatur Street. Ormai questo locale si è creato una fama a livello mondiale e sicuramente vorrete farci un salto. Se vi piacerà o meno, questa è un’incognita.

Il caffè non è indimenticabile e i beignets per i quali è tanto famoso, sono inconsistenti. La folla sicuramente non sarà di vostro gradimento, a farvi sentire come una sardina urlante alla ricerca del proprio ordine.

Dove dormire a New Orleans

Scegliere l’alloggio a New Orleans può esser piuttosto difficoltoso. Alcuni quartieri sono assolutamente da evitare e per questi vi rimandiamo all’articolo relativo alla sicurezza in città, mentre in quelli più centrali i prezzi salgono alle stelle.

Nel French Quarter, il cuore pulsante di New Orleans avrete tutto a portata di una passeggiata, ma è il più costoso, le camere spariscono in fretta e la sera può essere molto rumoroso.

Il CBD, l’area dedicata agli affari, è un po’ più lontano dal centro, ma gli alloggi sono più convenienti e sicuramente più silenziosi.

Anche nel Garden District si possono trovare ottime offerte, ma è ancor più decentrato e sarà necessario spostarsi con l’auto o con i mezzi.

Una valida alternativa, se avete l’auto possono essere le zone di Metaire e Lakefront nelle vicinanze del Lake Pontchartrain, ottime anche come base per un’esplorazione dei dintorni di New Orleans.

Potrete raggiungere Covington per una buona degustazione di Birra all’Abita Brewery o partire alla volta delle meravigliose Plantation.

Per non perdervi tutte le altre info per scoprire l’affascinante quanto controversa New Orleans vi rimandiamo agli altri articoli:

Cultura Voodoo e fantasmi a New Orleans
New Orleans è pericolosa?

Booking.com

Unisciti alla discussione

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *