Categorie
Italia Toscana

Il Sentiero dell’Armonia a Raggiolo: sculture in legno animano il bosco

A pochi passi dal borgo di Raggiolo, c’è un sentiero magico, inaspettato, che si inoltra nel bosco e piano piano conduce il visitatore in un’oasi di pace immersa nella natura: il Sentiero dell’Armonia disseminato di splendide sculture in legno.

Qui, il talento e la passione dell’uomo e la forza creatrice strepitosa e indiscussa della natura, permettono a questi due grandi artisti di collaborare in un grande gioco di squadra.

Il percorso è molto breve e non bisogna far altro che seguire il sentiero, lasciandosi guidare dalla natura e dalle sculture, sgombrare la mente e attivare tutti e 5 i sensi.

Il Sentiero dell’Armonia a Raggiolo: il benvenuto delle sculture in legno

La prima opportunità che avrete è quella di scegliere il vostro sostegno per la passeggiata.

In un tronco vuoto di un albero sono stati lasciati appositamente tanti bastoni, a disposizione di chi ne ha bisogno. Sono più sottili o più robusti, più lunghi e più corti, per grandi e bambini. Tutti possono usufruirne per poi lasciarli di nuovo lì, per il prossimo ospite, una volta terminata la visita.

Pronti ad immergervi in questo piacevole e insolito percorso di ricongiungimento con voi stessi e con la natura?

sentiero armonia con le sculture in legno di grandi funghi porcini e gnomi Raggiolo
Ingresso al Sentiero dell’Armonia- Sculture in legno di Porcini e gnomi danno il benvenuto

Funghi porcini e gnomi giganti sono i primi simboli del bosco che danno il benvenuto, ma proseguendo lungo il percorso compaiono tanti altri elementi caratteristici minuziosamente intagliati nel legno. Dovrete affinare l’occhio per scoprire i più piccoli e curiosi, nascosti qua e là a fianco di un alberello oppure proprio nel tronco di un castagno.

I Porcini (e il bosco) : una tradizione/ passione della vallata

Certamente i funghi, soprattutto i Porcini, rotondi, cicciotti, perfetti come quelli che ogni fungaio sogna di cogliere ogni giorno, sono le sculture in legno più diffuse lungo il Sentiero dell’Armonia; questo perché Raggiolo ha un profondo legame con la tradizione fungaiola.

In realtà molti casentinesi portano avanti questa attività che si può definire una vera passione, tanto che sculture simili sono state donate o acquistate anche per altri borghi della vallata.

Ma torniamo a noi. Ecco che passeggiando senza distrazioni, vediamo comparire piccoli gnometti che si dondolano su un ramo e altre specie di funghetti. Piano piano la natura si fonde con l’immaginazione e svela le sue molteplici forme.

Pochi passi e già il paese sembra lontanissimo. Qui le auto passano raramente e il solo rumore che si sente è quello delle foglie che scricchiolano sotto ai piedi.

E l’intenso odore di bosco, quell’odore che solo chi lo ama ed ama viverlo, riesce a percepire ed apprezzare immediatamente. E che dopo il primo respiro profondo fa ritrovare una carica energetica senza eguali.

Forse io sarò di parte, perché solo il bosco riesce a rigenerarmi completamente, ma anche i più scettici raramente riusciranno a negare le proprietà benefiche di questa passeggiata.

Se è stato chiamato il Sentiero dell’Armonia, un motivo ci sarà.

L’area all’ingresso dove già ci sono alcune sculture è accessibile a chiunque, ma il vero regno incantato è all’interno di un terreno recintato, video sorvegliato e visitabile solo con i proprietari.

All’interno del recinto: dove ci porterà il Sentiero dell’Armonia?

Inizia una leggera salita in cui gli alberi e il bosco prendono vita. Un tronco diventa un volto con una folta chioma di riccioli neri e un giaciglio ai suoi piedi invita a sedersi per ascoltare la natura circostante. O forse è lo gnometto nascosto proprio lì che racconta qualche storia?

sentiero armonia sculture legno Raggiolo l'albero che sembra stia parlando con il ciuffo di riccioli neri
L’albero “umano” lungo il Sentiero dell’Armonia

Le sculture in legno sono ovunque e la loro ricerca pian piano abituerà l’occhio ad accorgersi di tanti dettagli. Anche un semplice ramo può diventare qualcosa di diverso: dipende tutto dal punto di vista.

Basta posizionare le radici di un albero al contrario e lasciar navigare l’immaginazione. Magari anche voi vedrete la testa di un lupo famelico.

Tra una margherita gigante, un funghetto particolare e uno gnomo, la salita si addolcisce e… il bosco si dirada per accogliere una baita in legno in mezzo ad una radura.

Lì accanto c’è una fonte esterna mooolto simpatica, con un largo cappello muschioso e una pietra speciale, la cui forma rivela che in passato veniva utilizzata per affilare coltelli.

Un totem intagliato si confonde con gli alberi in un ampio spazio che chissà quante altre opere ancora dovrà ospitare e poi… quel dondolo!

Un enorme dondolo di legno massiccio, perfetto per almeno 3 persone.

Cosa chiedere di meglio per ammirare il paesaggio circostante? Il lieve dondolio, un buon libro, le foglie che cadono, il cinguettio di un uccellino o il vento tra le fronde degli alberi.

Questi sono gli unici suoni che potrebbero interrompere il silenzio circostante, compreso quello della mente che si svuota da tutti i pensieri, per accogliere solo la piacevole sensazione di connessione con la natura.

E se il panorama e il bosco riescono a stupire e a deliziare lo sguardo, anche quando gli alberi ormai sono secchi e spogli, chissà che emozione si prova durante l’esplosione di colori delle altre stagioni.

Immaginate quel tavolino solitario che ricorda un fungo velenoso, accerchiato da tanti bambini che ascoltano una novella… O da tanti ragazzi che fanno in picnic… Questi luoghi si prestano perfettamente per organizzare tante interessanti e piacevoli attività.

sentiero armonia sculture legno Raggiolo tavolino a forma di funghetto velenoso
Tavolino a forma di funghetto velenoso – Sentiero dell’Armonia Raggiolo

La baita: completamente realizzata in legno scolpito e decorato a mano

Ma la ciliegina sulla torta è proprio la graziosa baita in legno, che si confonde, soprattutto nel periodo invernale, con i colori degli alberi e del terreno.

Il patio rialzato in legno e quella sedia a dondolo mi riportano nei miei amati States, ma questa volta il mio pensiero torna subito alla realtà e agli interni, che voglio ammirare senza distrazioni.

Questa è davvero una casetta delle fiabe. Una baita dalla quale ci si aspetta di veder sbucare gli gnometti incontrati durante il percorso, con un bel cesto di castagne o una golosa zuppa di funghi fatta bollire nel camino in pietra.

All’interno non manca proprio niente: un enorme tavolo, il lavello, il piano cottura, il camino e poi l’area notte. Un letto a castello con una robusta struttura tutta rigorosamente in legno.

Le foto magari non rendono perché la baita al momento non è predisposta per gli ospiti, ma chiudete gli occhi e date il via libera all’immaginazione. Calde coperte in lana, la stufetta a legna che scoppietta di fronte e una chaise longue a dondolo per cullarsi leggendo un bel libro. Serve altro?

Io il glamping non l’ho ancora provato (è fuori budget), ma garantisco che già ne rispecchia ogni canone. E se mai un giorno questa baita dovesse accogliere degli ospiti per la notte, qui chiederei senza dubbio un abbonamento speciale.

Potrebbe volerci un giorno intero per scoprire tutti gli intarsi in legno con i quali è decorata questa baita. Ogni minimo dettaglio dalle colonne ai pomelli dell’attaccapanni, fino ai lampadari è scolpito a mano in legno e finemente decorato.

E le teste di animali appese alle pareti, non sono vere! Sono fedelmente riprodotte in legno con una maestria incredibile e solamente le corna appartenevano ad animali veri che le hanno perse nei boschi.

Chi sono gli artisti creatori delle sculture in legno lungo il Sentiero dell’Armonia a Raggiolo?

Ogni angolo di questo Paradiso Fiabesco racconta la passione della famiglia Giovannuzzi e la dedizione con la quale si impegna in questo progetto.

Le mani magiche sono infatti dei fratelli Giovannuzzi, in particolare di Giuseppe e del figlio Michele che, seppur giovanissimo, non ha voluto spezzare la tradizione di famiglia, tramandata dal nonno Natale.

Il legname raccolto proprio in quei boschi, viene levigato, scolpito, plasmato e dipinto per trasformare la passeggiata in un’esperienza interattiva e piacevolmente sorprendente.

E per tramandare con orgoglio e avvicinare i visitatori a quegli antichi mestieri che non devono essere dimenticati.

sentiero armonia sculture legno Raggiolo scultura rappresentante un riccio semi aperto con una castagna che sbuca fuori
Scultura in legno che rappresenta un riccio con le castagne – Raggiolo

Come si svolge la visita del Sentiero dell’Armonia

Come già detto per la visita completa di tutto il sentiero è necessario essere accompagnati dai proprietari.

Ad oggi l’allestimento è in continua evoluzione perciò per qualunque informazione vi rimando al sito dell‘attività di falegnameria che Giuseppe e Michele Giovannuzzi hanno in provincia di Forlì.

Lì troverete i recapiti per contattarli e scoprire le varie opzioni di visita e di utilizzo degli spazi.

Non appena l’emergenza sanitaria finirà e si potranno fare progetti e visite con maggiore libertà, sarà mia premura fornirvi tutti gli aggiornamenti. Soprattutto perché, non vorrete mica perdervi il bosco e i suoi abitanti in legno che iniziano lentamente a svegliarsi e rinvigorirsi in primavera?

La visita è perfetta per tutte le età. I bimbi rimarranno incantati dalle sculture e potranno scoprire i segreti del bosco. Gli adulti ammireranno questi luoghi sotto una luce diversa e scopriranno qualche segreto che non credevano esistesse.

Ricordate che si tratta di una esperienza appositamente creata per fornire ristoro al corpo, al cuore e alla mente. Per prima cosa, rispettate quindi ogni singolo centimetro di bosco che state visitando. Comprese le sculture, che non sono dei souvenir da portare a casa!

Nell’articolo non parlo volutamente di molte altre sculture particolari e davvero belle… Non voglio rovinarvi l’effetto sorpresa…

Però vi lascio con un assaggio di qualche grazioso souvenir che potete portarvi a casa…

Cos’altro fare a Raggiolo?
Scopritelo in questo articolo“Raggiolo, uno dei borghi più belli d’Italia”

4 risposte su “Il Sentiero dell’Armonia a Raggiolo: sculture in legno animano il bosco”

Bene Claudia, sono proprio contenta che ti sia piaciuto questo bosco magico e lo splendido lavoro della famiglia Giovannuzzi. Aspetto di sapere come è andata la tua visita! 🙂

Davvero una bella esperienza! Ci auguriamo che in molti seguano il nostro consiglio 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *