Categorie
Altro

Cosa vedere a Budapest: la Piazza degli Eroi

Siamo arrivati a Piazza degli Eroi, ( Hosok tere) l’ultimo giorno della nostra gita a Budapest. Scesi dalla metro alla fermata Szechenji Furdo, ci ha incantati e stupiti per la sua maestosità, seppure in lontananza.

Una visita è d’obbligo, sia per la bellezza architettonica sia, cosa più importante, perché racchiude tutta la storia millenaria dell’Ungheria attraverso la rappresentazione dei personaggi che hanno contribuito alla nascita e alla crescita della nazione.

Categorie
Budapest

Il museo di Houdini a Budapest: dove tutti i misteri del grande mago vengono svelati

Ma voi lo sapevate che Houdini è nato a Budapest e che in città si trova un museo interamente dedicato al più grande illusionista ed escapologo della storia?

Noi lo abbiamo scoperto per caso, consultando la nostra fedele Lonely Planet e devo ammettere che all’inizio ero scettica. Dome però, da appassionato di magia e mentalismo ha insistito talmente tanto, che ho ceduto.

Categorie
Budapest Curiosità Europa

Il Mercato Centrale di Budapest: prodotti tipici per tutti i gusti

Il Mercato Centrale di Budapest è il più grande mercato coperto della città e noi, grandi cacciatori di prodotti tipici, potevamo perdercelo?

Categorie
Budapest Europa

Il Bastione dei Pescatori a Budapest – Come in una favola

Una struttura che ricorda un castello incantato, con una splendida vista su Pest, il Bastione dei Pescatori si erge sulla collina di Buda, ed è uno dei luoghi più fotografati e ammalianti di Budapest.

Categorie
Budapest Europa

Cosa vedere a Budapest: la Chiesa di Mattia

La chiesa di Mattia, uno degli edifici più antichi di Budapest sorge al centro della Szentháromság tér (piazza della Santa Trinità), sulla collina di Buda, accanto al Bastione dei Pescatori e al castello.  

Categorie
Curiosità Europa

Scarpe sulla riva del Danubio – Budapest –

In occasione della giornata della Memoria, il 27 gennaio, vi presentiamo un’opera molto toccante che abbiamo visto pochi giorni fa a Budapest: “le Scarpe sulla riva del Danubio” (in ungherese: Cipők a Duna-parton)