L’isola di Coronado, a poche miglia da San Diego, è famosa per essere la sede della Naval Air Station e dei US Navy Seals, per il Coronado Island Museum, per il rinomato Hotel del Coronado e non solo,  ma la maggior parte dei turisti è attratto semplicemente dalle sue meravigliose spiagge bianche e sabbiose, che sono spesso nella top 10 americana.

Da qui inoltre si può ammirare il meraviglioso skyline di San Diego, in particolare di notte, quando illuminato di mille colori si riflette sull’oceano. Questo, insieme al fatto che è completamente smoke free è un altro motivo per cui viene visitata, spesso però in modo troppo tocca e fuggi senza conoscere tutte le sue potenzialità.

Skyline di San Diego di notte – vista dall’isola di Coronado –

Siete pronti a scoprire tutte le attività che vi si possono fare e considerare di includerla per più di qualche ora nei vostri tour, come invece spesso si è costretti a fare durante un on the road?

Come trascorrere un’intera giornata sull’isola di Coronado

Passeggiare per la Downtown Coronado: è una zona molto carina con negozi e locali. I quartieri vicini poi sono meravigliosi, con le loro case di lusso e i giardini fioriti. Divertitevi a immaginare quanto possano valere e a scoprire i diversi stili architettonici che le caratterizzano: da quello spagnolo, alle ville mediterranee.

Informatevi presso il Museum of History and Art da cui partono le Coronado Heritage Walks organizzate dalla Coronado Historical Association, per un tuffo sia nella storia dell’isola, sia tra famosi edifici e residenze.

Andare in bicicletta: godetevi ogni angolo dell’isola senza preoccuparvi di trovare ogni volta parcheggio. Noleggiate una bici in Orange Avenue da Holland’s Bicycle, all’Hotel Del Coronado o al Ferry Landing Marketplace, ci sono oltre 15 miglia di piste ciclabili che costeggiano l’oceano e vi permetteranno di scoprire graziosi angoli nascosti .

Visitare l’Hotel del Coronado

Hotel del Coronado by night – Isola di Coronado – San Diego

L’Hotel Del lo riconoscerete subito con il suo stile vittoriano e le torrette che lo fanno sembrare un castello dall’inconfondibile color ruggine e bianco. E’ stato inaugurato nel 1888 ed ha ospitato le celebrità più famose e famigerate del Ventesimo Secolo, tra cui Marilyn Monroe che vi girò “A qualcuno piace caldo” nel 1959. Per gli amanti del paranormale si dice che sia abitato anche da un fantasma. Per chi invece è un buongustaio è rinomato per il sontuoso brunch domenicale e per il Bar Babcok con vista sull’oceano Pacifico.

Visitare il Ferry Landing e Tidelands Park : Il Ferry Landing Marketplace ha più di 30 negozi, ristoranti e gallerie d’arte. Da qui raggiungete lungo il sentiero costiero il Tidelands Park, che dista poco più di un km.

Visitare una nave affondata : Potrete davvero osservare il relitto della SS Monte Carlo, una nave famosa per il gioco d’azzardo e la prostituzione, che si trovava ancorata al largo di Coronado, finché durante una tempesta nel 1937, l’ancora perse la presa e la barca andò alla deriva. Poiché entrambe le attività erano illegali a terra, nessuno ha mai rivendicato la sua  proprietà e tutt’oggi, durante le maree molto basse, la sua carcassa riaffiora nella sabbia. Si trova circa un quarto di miglio a sud dell’Hotel Del Coronado.

Concedersi a dolci tentazioni : Coronado vi permette di coccolarvi con una vasta scelta di dolcezze: dal gelato del Moo Time Creamery (1025 Orange Ave), ai cupcakes di Coronado Cupcakery (1201 1st Street #104) , per finire con le torte e non solo di Tartine (1106 1st Street).

Padroneggiare i mari : dal kayak alle moto d’acqua e motoscafi, Seaforth Boat Rentals (1715 Strand Way) vi può aiutare con qualsiasi attività acquatica vogliate sperimentare .

Imparare il surf o il sup: dilettatevi in uno dei più iconici sport della California del Sud, partecipando ad una lezione alla Coronado Surfing Academy (1880 Avenida del Sol) mentre se state cercando uno sport un po’ più facile da padroneggiare, considerate la possibilità di provare lo stand up paddle boarding (SUP). In genere richiede solo una breve lezione per acquisire familiarità con la tavola e anche i principianti possono esplorare la baia durante il loro primo giorno di attività. Rivolgetevi a SUP Coronado  (2000 Mullinex Dr), ma ricordatevi che riceve solo su appuntamento.

Noleggiare un golf cart : si dice che il modo migliore per esplorare Coronado sia con il golf cart ed è possibile noleggiarne uno per 2 ore a 59 $ o per tutto il giorno a 99$ . Contattate il Coronado Golf Cart Rentals (1017 Isabella Ave), per scoprire tutte le opzioni del noleggio.

Esplorare l’arte a Spreckels Park : Coronado’s Art in the Park è un vero gioiello della vita isolana. E’ un evento che rallegra Spreckels Park nel Coronado Village la prima e la terza domenica di ogni mese e mette in mostra la genialità creativa di oltre 50 artisti, talenti incredibili in quasi tutti i campi dell’arte, che espongono dipinti ad olio, incisioni, oggetti in vetro…

Organizzare un falò come nei film : per voi che non potete rinunciare alla vita da spiaggia perché non viverla in un’atmosfere del tutto insolita? Partecipate (o allestite voi stessi) ad un bel falò e godetevi il sole che tramonta sull’oceano. Portate con voi marshmallows, cioccolato e Graham’s cracker per un gustoso s’more come gli americani Doc. Coronado ha molti “fire rings” a disposizione gratuitamente e per chiunque.

Approfondire la storia locale : siete curiosi di conoscere la storia di Coronado e come ha fatto a diventare un luogo così piacevole? Scoprirete i suoi esordi sotto la dominazione spagnola, il suo coinvolgimento nella caccia alle balene e come è diventata base militare americana, al Coronado Museum of History and Art (1100 Orange Avenue) e non dimenticate che qui si trovano anche le prime edizioni dei libri di Oz di Baum. L’entrata è gratuita.

Scoprire le origini del mago di Oz : sapevate che a Coronado al 1101 Star Park Circle, si trova anche la storica casa di L. Frank Baum, l’autore del mago di Oz? E’ una pittoresca casetta gialla che lo scrittore affittava durante i suoi soggiorni nella California del Sud, per sfuggire ai freddi inverni di Chicago. È qui che scrisse tre libri della serie Oz: “Dorothy and the wizard of Oz”, “The Emerald City of Oz” e “The Road to Oz” e alcuni capitoli di “The Marvelous Land of Oz” .

Per immergervi ancora di più nel magico mondo di Oz visitate anche la The Wizard of Oz Glass Art Exhibit presso la Coronado Public Library, (640 Orange Ave) dove sono esposti 9 pannelli in vetro creati da Brenda Smith che rappresentano scene della storia con protagonisti Dorothy, il codardo Lion, lo Spaventapasseri, l’Uomo di latta, Glenda la strega buona e altri personaggi.

 

Arrivare a Coronado Island da San Diego

In auto attraverso il Coronado Bay Bridge. È straordinariamente alto da permettere che le più grandi navi militari vi passino sotto, tanto che in alcuni tratti può dare i brividi anche se per fortuna il tragitto è molto breve, quando non c’è traffico. Ricordate che quest’ultimo può diventare davvero pesante nelle ore di punta, soprattutto in estate e durante il fine settimana.

In barca con il Coronado Ferry dal lungomare di San Diego fino a Ferry Landing. Il battello parte dal molo di Broadway al 900 N. Harbor Drive o dal San Diego Convention Center sulla 5th Avenue ed ha un costo di 5 $ a tratta per 15 minuti di traversata.

In alternativa sono disponibili anche i classici taxi d’acqua.

 

Unisciti alla discussione

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *