Categorie
Budapest

Visitare il Parlamento di Budapest: elegante simbolo della città

Il Parlamento di Budapest, uno dei simboli incontrastati della capitale ungherese, si affaccia sulle acque del Danubio ed è un gioiello di architettura e sfarzo.

Il Parlamento di Budapest, che vi consigliamo di visitare, è uno dei simboli incontrastati della capitale ungherese, si affaccia sulle acque del Danubio ed è un gioiello di architettura e sfarzo.

Visitare il Parlamento di Budapest: la sua storia

Nel corso dei secoli il regime ungherese aveva svolto le varie riunioni in differenti paesi dell’Ungheria e a partire dal XVIII secolo a Poznoy, l’attuale Bratislava.

Nel 1843 venne sollevato il problema di svolgere queste attività proprio nella capitale Budapest, creando un palazzo che rappresentasse l’indipendenza ottenuta dagli ungheresi dopo il periodo austro-ungarico.

Visitare il Parlamento di Budapest
Visitare il Parlamento di Budapest

Il bando di gara venne organizzato e vinto però 40 anni dopo, da Imre Steindl, che come molti altri artisti di quel periodo sosteneva la necessità di unire antico e moderno.

Fu così che si progettò un edificio con forme e linee del tutto particolari: l’esterno ricorda il Rinascimento Gotico dell’Inghilterra del 1830, ispirandosi al Parlamento di Londra a Westminster, gli interni portano traccia del Rinascimento e del Barocco.

Servirono ben 1000 lavoratori e 17 anni per terminare il palazzo, nell’investimento più cospicuo dell’epoca. Questo portò un grande giovamento all’industria del paese, in quanto si servirono solo di materiali e artigiani ungheresi.

A partire dalla fine della Seconda Guerra Mondiale ospita il ramo esecutivo: nell’ala nord gli uffici del Primo Ministro, in quella sud gli uffici del Presidente della Repubblica e nelle altre aree quelli del Portavoce del Parlamento.

I numeri del Parlamento di Budapest

L’imponente Parlamento ungherese si erge su una base di cemento con mura esterne dallo spessore dai 2 ai 5 metri e si estende per ben 268 metri lungo la sponda est del Danubio.

Ha una larghezza di 123 metri e un’ altezza di 96 metri. Quest’ultima misura la ritroviamo anche nell’altezza della Basilica di Santo Stefano: la parte civile e religiosa in perfetto equilibrio, l’una non deve superare l’altra.

All’esterno si trovano 90 statue e scudi raffiguranti città e contee, all’interno 152 statue e decori legati alla fauna della nazione. Sono stati utilizzati 40 kg d’oro di oltre 22 carati per i vari decori e ci sono 27 porte, 29 scaloni e 13 ascensori.

La nostra visita al Parlamento di Budapest

I visitatori vengono accolti dai Leoni del mercato di Bela per poi trovarsi di fronte lo scalone principale che occupa quasi tutta l’area interna fino alla cupola, con 8 colonne di granito rosso alte 6 metri e dal peso di 4 tonnellate ciascuna.

Non mancano statue in zinco fuso e sul soffitto tre splendidi affreschi allegorici di Karoly Lotz. “L’apoteosi della legislazione”, la “Glorificazione d’Ungheria” e “lo stemma dell’esercito ungherese medio” che unisce Dalmazia, Croazia, Slovenia, Tansilvania, Fiume , Ungheria ed è sostenuto da angeli.

Le varie sale sono decorate da opere d’arte di artisti ungheresi quali Mihály Munkácsy, Károly Lotz, Aladár Kriesch, Zsigmond Vajda, Béla Spányi e con maestosi arazzi.

Scalinata interna al Parlamento di Budapest
Scalinata interna al Parlamento di Budapest
Il Salone della Cupola

Dopo avere percorso lo scalone principale, appare il meraviglioso salone circolare alto ben 27 metri, utilizzato per molto tempo per le riunioni delle due camere del Parlamento.

Tutto intorno ci sono 16 statue di zinco e piro-granito che raffigurano i vari governanti d’Ungheria. Maria Teresa è l’unica donna.

Qui si trovano anche i preziosi Gioielli della Corona e vari oggetti quali la spada, lo scettro e il globo crucigero appartenuti ai sovrani ungheresi. Purtroppo qui è assolutamente vietato fotografare e avvicinarsi alla teca che li contiene, protetta da due guardie che ritmicamente ruotano il fucile e poi tornano immobili.

Aree intorno al salone della Cupola

Dallo scalone principale si accede anche al Salone Hunter e all’area pranzo del Parlamento, decorata con splendidi affreschi e ad altre due stanze. La sala sud è sede della caffetteria dei deputati, la sala nord delle conferenze stampa. Quest’ultima è chiamata anche la Sala degli Arazzi, per l’enorme arazzo di 9x 3 m, che custodisce sin dal 1920.

La Sala del consiglio Aggiunto e il Salone dei Deputati

Nel lato sud si incontra la Sala dei Deputati, la stanza più importante di tutto l’edificio in cui domina il marrone scuro della rovere di Slavonia.

Le 438 sedie per i deputati hanno un disegno speciale e sono in cuoio, mentre le sedute del circolo interno, rivestite in velluto, sono riservate ai ministri.

Nella zona centrale del leggio dell’oratore si può vedere il foro di una pallottola destinata al presidente Istavan Tisza il 4 giugno 1912, nel tentativo di limitare le sue azioni, ritenute violente ed illegali contro l’ostruzionismo dell’opposizione.

Solitamente questa Sala non è inclusa nella visita guidata, ma noi abbiamo avuto la fortuna di vederla in sostituzione alle due precedenti che ospitavano un evento.

Nel lungo corridoio all’esterno è interessante notare la presenza di portasigari numerati, indispensabili ai vari membri che necessitavano di una pausa e di ritrovare il proprio sigaro.

Antica Camera Alta

Di fronte alla camera dei deputati, a destra della cupola, si trova la Casa Clipper. Si distingue per pareti e tappeti azzurri e per la presenza di statue allegoriche di agricoli e industriali. Qui vengono onorate la scienza, il potere, la verità, la critica, la fede e la carità ed eventi storici come il giuramento di Maria Teresa.

All’interno del Parlamento di Budapest si trovano anche la stanza di ricevimento del Presidente, vari uffici e la Biblioteca a disposizione dell’intera nazione. E’ infatti specializzata in diritto, storia recente, pubblicazioni delle Nazioni Unite e parlamentarismo. Il suo grande archivio ha permesso la formazione di un Centro di Informazione e Documentazione del Consiglio d’Europa.

Museo interattivo sulla storia della costruzione del Parlamento

Al termine della visita guidata, poco prima dell’uscita, si accede ad un interessante museo interattivo, in cui è esposto un grande plastico della struttura e lateralmente sono allestiti pannelli esplicativi e postazioni video-audio.

Plastico del Parlamento di Budapest nel museo interattivo
Plastico del Parlamento di Budapest nel museo interattivo

Qui è possibile scegliere di ascoltare spiegazioni dettagliate su tante curiosità riguardanti la storia del Parlamento, in molte lingue, compresa l’italiano.

Info utili per visitare il Parlamento di Budapest
La visita comprende:

Tour esclusivamente guidato di 45 minuti che permette l’accesso a:

Visitare il Parlamento di Budapest Cuffie in supporto al tour guidato
Cuffie in supporto al tour guidato

la scalinata principale,
il grande salone della cupola,
la Santa Corona e i gioielli della Corona ungherese,
il salone dell’Antica camera dei Signori e la Sala delle sessioni della camera alta.

Tuttavia, in base a particolari eventi il tour può subire variazioni, come vi abbiamo accennato precedentemente. Potrete quindi avere la fortuna di vedere la Sala dei Deputati, come è successo a noi.

La visita si svolge interamente a piedi e le prime rampe di scale sono piuttosto impegnative. Meglio munirsi di scarpe comode, anche se le guide si offriranno di accompagnarvi in ascensore per qualunque problema.

E’ necessario superare dei controlli di sicurezza all’ingresso e il biglietto va rigorosamente conservato per azionare i tornelli all’uscita.

Costo del biglietto

17 euro: per i cittadini dell’Unione Europa, previa esibizione di un documento .
8,50 euro: per gli studenti dell’Unione Europea ( da 6 a 24 anni) .
34 euro intero e 17 ridotto: per i cittadini extracomunitari.

Consiglio di acquistarli direttamente dal sito ufficiale, possibilmente con largo anticipo, in quanto anche nel periodo invernale è difficile trovare il tour desiderato subito disponibile.

I vari siti broker propongono tour a prezzi molto superiori, ma le visite all’interno sono uguali per tutti, quindi in questo caso non è consigliato utilizzarli. Negli ultimi anni i tour possono esser svolti soltanto dai dipendenti stessi del Parlamento e non più da guide esterne.

Lingue disponibili per il tour

Ad orari prestabiliti, dal lunedì alla domenica, i tour sono disponibili nelle seguenti lingue: spagnolo, italiano, inglese, francese, tedesco, ebraico e russo. Trovate gli orari al momento della scelta d’acquisto, nel sito linkato sopra.

Giorni di chiusura del Parlamento

I giorni di chiusura per festa nazionale sono il 15 Marzo, il 20 Agosto e il 23 Ottobre. Le altre festività classiche di chiusura sono il 1 Gennaio, Domenica e Lunedì di Pasqua, 1 Maggio e 1 Novembre, 24 e 26 Dicembre.

Come arrivare

Si raggiunge comodamente con la M2 fermandosi a Kossuth Ljos tér o con gli autobus che hanno molti stop nelle vicinanze. Come per tutte le attrazioni della città è facilmente raggiungibile anche a piedi.

A pochi passi dal Parlamento, sulle rive del Danubio, non perdetevi la commovente installazione Scarpe sulle rive del Danubio, in memoria delle vittime dell’Olocausto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *