Categorie
Austria Europa Vienna

Sulle tracce di Klimt a Vienna

Uno dei motivi per cui Vienna è così affascinante è che ha visto numerosi artisti nascere e raggiungere il successo: non solo grandi musicisti, ma anche pittori del calibro di Gustav Klimt.

Il celebre artista, tra i più grandi esponenti della Secessione, nacque il 14 luglio 1862 in una casa al numero 247 della Linzer Strasse, nel XIV distretto.

Oggi di quell’abitazione non c’è più traccia, ma a Vienna sono ancora molti i luoghi che permettono di ripercorrere la sua vita ammirandone le opere più affascinanti in locations suggestive.

Klimt nei musei di Vienna

Il Bacio di Gustav Klimt al Belvedere

Il Belvedere è il primo museo di Vienna che si associa a Klimt in quanto ospita ben 24 opere del grande artista, compreso Il Bacio. Un capolavoro di 180 m x 180 m in cui si ritrovano tutte le caratteristiche principali della sua arte: l’importanza della natura e della bellezza femminile e l’influenza dei mosaici bizantini che aveva ammirato a Ravenna.

Il Bacio di Klimt - Belvedere - Vienna
Il Bacio di Klimt – Belvedere – Vienna

Klimt al MAK

Tra il 1905 e il 1910 Klimt lavorò insieme a Josef Hoffmann per decorare la sala da pranzo del palazzo del finanziere Adolphe Stoclet a Bruxelles. Vi realizzò un fregio a mosaico in cui il soggetto principale era l’albero della vita, un simbolo ricorrente nelle sue opere.

Oggi il palazzo è chiuso al pubblico, ma al MAK (Museum fur Angewandte Kunst) di Vienna sono conservate le 9 bozze preparatorie del Fregio Stoclet.

Inoltre il MAK conserva anche un prezioso lascito dell’illustre circolo Wiener Werkstätte che comprende modelli, schizzi, libri fotografici, ricami, campioni di tessuto, poster, ricami, filmati e mobili.

Klimt negli altri musei di Vienna: Leopold Museum, Albertina, Theatermuseum

In quasi tutti i musei d’arte di Vienna si trovano immancabilmente tracce di Klimt anche se con un numero minore di opere rispetto al Belvedere.

  • Al Leopold Museum potrai ammirare l’allegorica Morte e Vita,
  • Al TheatermuseumNuda Veritas,
  • Il Wien Museum conserva la collezione più grande al mondo dei suoi disegni: ce ne sono ben 411. Qui si trova anche la Pallas Athena, una delle opere più criticate di Klimt che raffigura l’omonima divinità con elmo e armatura su cui è ritratto il volto della Gorgone Medusa,
  • l’Albertina possiede una notevole quantità di disegni di Klimt, che vengono esposti a rotazione in occasione di particolari eventi a tema.

Le opere di Klimt nei palazzi viennesi

Il Fregio di Beethoven nel palazzo della Secessione

Sezione del Fregio di Klimt alla Secessione di Vienna
Sezione del Fregio di Klimt alla Secessione di Vienna

Il palazzo viennese che maggiormente rappresenta Klimt è senza dubbio il padiglione della Secessione nato come spazio espositivo per gli artisti dell’omonimo movimento.

Durante la XIV esposizione della Secessione fu celebrata la figura di Ludwig Van Beethoven, apprezzato da tutti gli artisti del movimento in quanto “incarnazione del genio”.

La celebre Nona Sinfonia era considerata come “l’esaltazione dell’amore e dell’abnegazione che possono redimere l’uomo” e Klimt la riprodusse nel ciclo pittorico di 34m x 2m, oggi visibile proprio all’interno del Palazzo della Secessione.

Intorno all’enorme statua policroma di Beethoven realizzata da Max Klinger, Klimt realizzò il fregio che ti farà compiere un intrigante viaggio interiore tra personaggi misteriosi e bizzarri che rappresentano la morte, la pazzia e la gioia.

La visita della Secessione accompagnata da una audioguida in varie lingue permette di vivere quel climax di emozioni che Beethoven e Klimt hanno voluto esprimere con le loro opere.

Non limitarti ad ammirare il palazzo solo dall’esterno e vai oltre la brillante cupola dorata: il tesoro più prezioso di Klimt è proprio tra quelle mura.

Clicca qui per saperne di più > Palazzo della Secessione viennese

Gustav Klimt al Burgtheater

Ancora prima di aderire alla Secessione Klimt aveva riscosso un grande successo decorando importanti edifici pubblici insieme al fratello Ernst e a Franz Matsch.

Il primo incarico fu quello di disegnare la storia del teatro sui soffitti delle due grandi scalinate del Burgtheater che era appena stato costruito da Karl von Hasenauerin lungo la Ringstrasse.

Klimt realizzò i seguenti dipinti:

  • il teatro dell’antichità di Taormina (nel lato più vicino al Cafè Landtmann),
  • il London Globe Theatre (lato Volksgarten) con la scena finale di Romeo e Giulietta di Shakespeare,
  • se stesso (nell’unico suo autoritratto) e i suoi due colleghi sullo sfondo.

L’imperatore Francesco Giuseppe rimase così colpito da quei dipinti che conferì ai 3 artisti la Croce d’oro al merito, segnando il momento del grande salto di carriera di Klimt.

Le bozze di quei dipinti sono state ritrovate nel 1990 nella soffitta del teatro. Dopo un importante restauro è possibile vederle esposte proprio nel Burgtheater, nella sala “Angelika Prokopp Foyer-Klimtraum”, accessibile durante specifiche visite guidate.

Klimt al Kunsthistorische Museum

Anche la scalinata monumentale del Kunsthistorische Museum è stata decorata da Gustav Klimt insieme al fratello Ernst e a Franz Matsch.

Il ciclo pittorico rappresenta la storia della pittura dall’epoca degli antichi egizi fino alla modernità. Klimt realizzò 11 dei 40 pannelli che decorano gli stretti spazi fra le colonne e gli archi.

Gli affreschi di Klimt nella villa dei sogni di Sissi

Nella splendida cornice dell’ex tenuta di caccia imperiale ai confini occidentali di Vienna, Franz Joseph fece costruire la Hermesvilla per l’amata moglie Sissi.

Gli affreschi nel soffitto del salone e della camera da letto dell’imperatrice sono stati realizzati da Gustav ed Ernst Klimt e da Franz Matsch.

Clicca qui per saperne di più sulla > Hermesvilla

Klimt Villa

Klimt Villa è uno di quei luoghi in cui è possibile indagare più a fondo nella vita privata di Klimt.

Qui si trova l’ultimo atelier che il pittore utilizzò dal 1911 al 1918. L’interno è stato completamente restaurato cercando di rappresentare quell’atmosfera autentica che fu testimone degli ultimi anni di vita dell’artista, grazie a descrizioni accurate e fotografie dell’epoca.

L’atelier dell’amante Emilie Folge

Un altro luogo testimone di un aspetto particolare della vita di Klimt è un palazzo nella famosa Mariahilferstrasse.

Qui la stilista Emilie Floge, la più stabile delle tante amanti dell’artista, aveva un atelier insieme alla sorella Helene, moglie di Ernest Klimt.

Quel palazzo è oggi occupato oggi dalla sede viennese delle Assicurazioni Generali.

Il cimitero di Hietzing: la tomba di Klimt

Lapide di Gustav Klimt - Cimitero di Hietzing - Vienna
Lapide di Gustav Klimt – Cimitero di Hietzing – Vienna

Klimt fu costretto ad abbandonare definitivamente la sua attività l’11 gennaio 1918. Rientrando da un viaggio in Romania, fu colpito da ictus e polmonite causata dall’epidemia dell’influenza spagnola.

Morì dopo una lunga agonia, il 6 febbraio e fu sepolto nel cimitero di Hietzing vicino alla tenuta di Schönbrunn.

La sua tomba, molto semplice ma inconfondibile per il suo nome inciso nella lapide con i caratteri della sua firma, è la tappa finale del suo viaggio ed anche del nostro tour di Vienna in una chiave di lettura diversa dal solito.

Se vuoi porgergli un saluto, la tomba si trova nel gruppo 5. Nello stesso cimitero troverai anche Otto Wagner, Kohlo Moser, la famiglia Strauss, Franz Grillparzer, Dollfuss, Katharina Schratt e la sua famiglia.

Per saperne di più > Le tombe di Klimt e dei personaggi famosi nel cimitero di Hietzing

Le opere di Klimt andate distrutte a Vienna

Dell’immensa eredità che Klimt aveva lasciato a Vienna, purtroppo ci sono anche molte opere che non sono arrivate fino ad oggi.

Una delle perdite più clamorose fu realizzata insieme a Franz Matsch per il soffitto dell’Aula Magna dell’Università di Vienna su richiesta, nel 1894, del Ministero per l’istruzione austriaco.

L’opera doveva rappresentare La vittoria della luce sulle tenebre ed i due artisti realizzarono:

  • Klimt la Filosofia, la Medicina e la Giurisprudenza,
  • Matsch la Teologia.

In quel periodo l’estro creativo di Klimt aveva subito una profonda trasformazione a causa della morte del fratello e l’opera fu ben diversa dalle aspettative. L’alone tenebroso intorno alle tre figure allegoriche e i troppi personaggi nudi destarono scandalo ed i dipinti non furono mai installati all’Università.

Furono però acquistati da ricchi committenti e conservati nel castello di Immendorf che fu bruciato dai nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale insieme alle preziose opere di Klimt.

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.